Incenso giapponese antidepressivo naturaleINCENSO GIAPPONESE COME ANTIDEPRESSIVO

LA PRATICA

La normale pratica di bruciare incenso in casa o in ambiente meditativo non richiede una postura particolare o una preparazione di qualche tipo, ciascuno può decidere di bruciare incenso in ogni momento semplicemente accendendo un bastoncello appogiato al bruciaincenso o conficcato nella sabbia di un vaso.

Tuttavia potrebbe essere buona consuetudine seguire qualche forma di rituale cerimoniale. I rituali possono essere semplici o complessi, in ogni caso il rituale anche semplice è sempre una forma di consapevolezza che arricchisce e dona preziosità al momento.

IL RITUALE

Una delle forme più comuni di azione rituale è quella di illuminare l’incenso. Prima si accendono le candele, e poi l’incenso si accende dalla fiamma di una candela. Di solito si lascia bruciare la fiamma dell’incenso con una fiammella per qualche secondo, poi si muove il bastoncello delicatamente nell’aria. Questo ha l’effetto di estinguere la fiamma in modo che l’incenso ora brilli come una brace anziché come una fiamma e di creare un vortice di fumo che si libera nell’aria. Alcune persone fanno un inchino prima di sedersi per la meditazione.

Ho sempre trovato che la scelta dell’incenso della sua qualità e del suo profumo sia importante. Certi tipi di incenso possono produrre un effetto molto calmante, e creare molto rapidamente sensazioni positive con un particolare profumo, in modo che la mente si distenda  esi possa creare attorno a noi una dolce atmosfera.

Più l’incenso è raffinato, più è probabile che abbia un effetto emotivo e mentale positivo. L’incenso giapponese è generalmente il più raffinato (e in effetti il ​​mondo dell’incenso giapponese è come il mondo del vino, con una grande varietà di qualità che vanno dal semplice livello buono a quello da intenditore).

Le miscele di Incenso indiano invece (quello a buon mercato dei mercatini o su amazon )può essere più ruvido e maleodorante.
L’incenso tibetano è più naturale, e anche se alcuni sono raffinati, è come un fuoco su una collina.
Potremmo quindi affermare che l’uso costante dell’ incenso giapponese come antidepressivo naturale.

Il testo che segue è stato tradotto da un comunicato stampa della Johns Hopkins University. Spiega come certi tipi di incenso abbiano un effetto sul cervello.
(Tradotto liberamente dal sito” https://www.sciencedaily.com/releases/2008/05/080520110415.htm”)

LA RICERCA

Molte tradizioni religiose hanno sostenuto che l’incenso fa bene all’anima. Ora, i biologi hanno imparato che va bene anche per il nostro cervello. Un team internazionale di scienziati, tra cui ricercatori della Johns Hopkins University e della Hebrew University di Gerusalemme, descrivono come l’incenso (resina proveniente dalla Boswellia) attiva canali di ioni poco capiti nel cervello per alleviare l’ansia o la depressione. Questo potrebbe suggerire di una nuova classe di farmaci per la depressione e per l’ansia epotrebbe essere proprio sotto il nostro naso.

“Nonostante le informazioni derivanti da testi antichi, i componenti di Bosweilla non erano stati studiati per la psicoattività”, ha affermato Raphael Mechoulam, uno dei coautori dello studio di ricerca. “Abbiamo scoperto che l’incensolo acetato, un costituente della resina Boswellia, quando testato nei topi riduce l’ansia e causa un comportamento simile all’antidepressivo. A quanto pare, la maggior parte degli utilizzatori di incenso attuali presume che l’incenso abbia solo un significato simbolico. “

GLI EFFETTI

Per determinare gli effetti psicoattivi dell’incenso, i ricercatori hanno somministrato incensole acetato ai topi. Hanno scoperto che il composto ha colpito in modo significativo aree nelle aree del cervello note per essere coinvolte nelle emozioni e nei circuiti nervosi che sono affetti dagli attuali farmaci per l’ansia e la depressione.
In particolare, l’acetato di incenso ha attivato una proteina chiamata TRPV3, che è presente nei cervelli dei mammiferi e che ha anche un ruolo nella percezione del calore della pelle. Quando i topi allevati senza questa proteina sono stati esposti a incensole acetato, il composto non ha avuto alcun effetto sul loro cervello.

Gerald Weissmann, M.D., redattore capo del FASEB Journal, ha dichiarato: “Gli studi su come funzionano queste droghe psicoattive ci hanno aiutato a capire la neurobiologia moderna.

La scoperta di come l’acetato incensale, purificato dall’incenso, funziona su obiettivi specifici nel cervello dovrebbe anche aiutarci a capire le malattie del sistema nervoso.

Questo studio fornisce anche una spiegazione biologica per le pratiche spirituali millenarie che si sono susseguite attraverso il tempo, la distanza, la cultura, la lingua e l’incenso che brucia la religione, davvero ti fa sentire caldo e nervoso dappertutto! ”

Secondo il National Institutes of Health, il disturbo depressivo maggiore è la principale causa di disabilità negli Stati Uniti per le persone di età compresa tra i 15 ei 44 anni, che colpisce circa 14,8 milioni di adulti americani.
Una forma meno grave di depressione, disturbo distimico, colpisce circa 3,3 milioni di adulti americani. I disturbi d’ansia colpiscono 40 milioni di adulti americani e frequentemente si verificano con disturbi depressivi.

La foto dell’articolo: Photo by Denis Oliveira on Unsplash